News


Venerdì 30 Gennaio 2015

Corso sull'addolcimento dell'acqua

CORSO ADDOLCIMENTO ACQUA


Venerdi 6 Febbraio 2015 ALLE ORE 17:00 si terrà presso i nostri uffici a Zero Branco un corso sull'importanza dell'addolcimento dell'acqua sia negli impianti civili che in quelli industriali.

Un tecnico specializzato nel settore tratterà in particolare le seguenti tematiche:


  • Tipi di addolcitori

  • Prodotti chimici per pulizia e manutenzione impianti termoidraulici

  • Dosatori di polifosfati

  • Filtri a rete in ottone e in plastica

  • Filtri a colonna per la rimozione di ferro, cloro, arsenico ed altro

  • Sistemi anti legionella.


A fine corso, saremo lieti di offrirvi un aperitivo.

Si prega di confermare la presenza.


L'evento è libero e aperto al pubblico.


Corso sull'addolcimento dell'acqua

Giovedì 4 Dicembre 2014

Festività Natalizie

Gentilissimi Clienti,

comunichiamo che l'ufficio di Efficienta SCRL rimarrà chiuso per Festività Natalizie  dal 24 dicembre 2014 al 06 gennaio 2015 compresi.
 
La normale attività riprenderà il 07 gennaio 2015.
 
Per comunicazioni urgenti potete inviarci una mail a info@efficienta.it oppure telefonarci al n° 0422-1626815: il nostro servizio assistenza rimane attivo per emergenze.
 

Auguriamo a tutti voi Buone Feste.


Festività Natalizie

Martedì 21 Ottobre 2014

DIFENDERSI DALLA LEGIONELLA

Batteri e fonti di rischio

La legionella è un batterio gram negativo aerobio presente negli ambienti acquatici naturali e artificiali: si riscontra in sorgenti, fiumi, laghi, vapori, terreni e tramite questi risale a condotte cittadine ed impianti idrici.
Le condizioni favorevoli alla sua proliferazione sono situazioni di stagnazione, incrostazioni, accumuli.
L'uomo contrae l'infezione quando inala acqua contaminata in piccole goccioline, e questa entra in contatto con i polmoni. I sintomi più frequenti sono: febbre, cefalee, tosse, malessere, spossatezza, problemi gastrointestinali, neurologici e cardiaci con conseguenti complicazioni.
Le situazioni che costituiscono una potenziale fonte di rischio sono presenti nella nostra quotidianità: impianti per la distribuzione di acqua calda e fredda tramite rubinetti e docce, impianti idrici provvisti di torre di raffreddamento ed evaporatore, unità di condizionamento aria o umidificazione, vasche idromassaggio o per trattamenti termali, fontane.
Normative
Il principale riferimento a livello italiano è il Dlgs 81/2008 che riguarda attività e luoghi di lavoro esposti ad agenti biologici e una corretta progettazione, installazione e manutenzione è descritta nella norma tecnica UNI 9182; varie linee guida sono state disposte anche dall'Unione Europea in merito alla prevenzione ed il controllo; esistono anche circolari ed ordinanze locali in cui vengono anche stabilite le modalità di tenuta dei registri di controllo ed i termini per le operazioni di prevenzione e bonifica. Sono previste sanzioni e provvedimenti in caso di inottemperanza.
Metodi di controllo
Per quanto riguarda gli impianti idrici, si raccomanda di:

  • evitare tubazioni con terminali ciechi o senza circolazione;
  • evitare formazione di ristagni;
  • evitare lunghezze eccessive di tubazioni;
  • evitare contatti tra acqua e aria o accumuli in serbatoi non sigillati;
  • scegliere con cura i materiali (è stato rilevato che le tubazioni di rame riducono la proliferazione della legionella);
  • evitare la scelta impiantistica di torri evaporative in favore di soluzioni alternative, come i sistemi water spray system, pozzi geotermici;
  • prevenire la formazione di biofilm e incrostazioni;
  • prevedere una periodica pulizia tramite il tecnico qualificato di fiducia.


DIFENDERSI DALLA LEGIONELLA

Venerdì 26 Settembre 2014

NUOVO REGOLAMENTO FGAS N.517/2014

In gazzetta ufficiale dell’Unione Europea (L.150 del 20 maggio 2014) è stato pubblicato il regolamento n° 517/2014 che ridefinisce il quadro normativo sui gas fluorurati ad effetto serra; il regolamento è entrato in vigore il 9 giugno 2014 e si applica dal 1 gennaio 2015.

Il “vecchio” regolamento 842/2006 è abrogato dal 1° gennaio 2015, mentre i regolamenti attuativi n.1493/2007 n.1494/2007 n.1497/2007 n.1516/2007 e dal n.303 al n.308/2008 restano in vigore e continuano ad essere applicati almeno fino a nuove disposizioni.

In generale,

"L’obiettivo del regolamento è quello di proteggere l’ambiente mediante la riduzione delle emissioni di gas fluorurati a effetto serra. Di conseguenza:

a) stabilisce disposizioni in tema di contenimento, uso, recupero e distruzione dei gas fluorurati a effetto serra e di provvedimenti accessori connessi;
b) impone condizioni per l’immissione in commercio di prodotti e apparecchiature specifici che contengono o il cui funzionamento dipende da gas fluorurati a effetto serra;
c) impone condizioni per particolari usi di gas fluorurati a effetto serra;
d) stabilisce limiti quantitativi per l’immissione in commercio di idrofluorocarburi."

Ma l’entrata in vigore del nuovo Regolamento F-Gas n° 517/2014, che ha decorrenza dal 1° gennaio 2015, introduce tre cambiamenti sostanziali:

  1. sancisce la definitiva sparizione dal mercato del R22 (anche rigenerato), che non può essere più commercializzato nel territorio dell’Unione Europea;
  2. vieta l’uso dei refrigeranti con GWP >2.500 a decorrere dal 1° gennaio 2020, di cui all'art. 13 par. 3 (“a decorrere dal 1 gennaio 2020, è vietato l’uso dei gas fluorurati a effetto serra con potenziale di riscaldamento globale pari o superiore a 2500 per l’assistenza o la manutenzione delle apparecchiature di refrigerazione con dimensioni del carico di refrigerazione pari o superiori a 40 tonnellate di CO2 equivalente”);
  3. richiede di verificare che gli acquirenti di F-Gas siano in possesso di certificazioni sia aziendali che personali, di cui all'art. 6 par. 3 (“le imprese che forniscono gas fluorurati a effetto serra istituiscono registri contenenti informazioni pertinenti relative agli acquirenti di gas fluorurati a effetto serra, compresi i seguenti dettagli: i numeri dei certificati degli acquirenti; le rispettive quantità di gas fluorurati a effetto serra acquistati. Le imprese che forniscono gas fluorurati a effetto serra conservano tali registri per almeno cinque anni. Le imprese che forniscono gas fluorurati a effetto serra, su richiesta, mettono tali registri a disposizione dell’autorità competente dello Stato membro interessato o della Commissione”).

NUOVO REGOLAMENTO FGAS N.517/2014

Martedì 16 Settembre 2014

SBLOCCA ITALIA: LA PUBBLICAZIONE NELLA GAZZETTA UFFICIALE

In Gazzetta Ufficiale il decreto Sblocca Italia, in vigore dal 13 settembre: ecco le modifiche rispetto al testo approvato il CdM.


Approvato dal Consiglio dei Ministri il 29 agosto, ci ha messo due settimane ad approdare in Gazzetta, passando attraverso correzioni ed eliminazione di alcune norme inizialmente previste. Oltre al Regolamento unico edilizio, che avrebbe uniformato le norme per tutti gli ottomila Comuni d’Italia, sono sparite le semplificazioni per interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni e per i piccoli impianti da fonti rinnovabili. Restano invece tutte le norme di rilancio del Made in Italy e una serie di novità per affitti, imprese del turismo e finanza delle PMI.

Lo Sblocca Italia nella sua versione definitiva si compone di 45 articoli. Fra le misure qualificanti in materia di rilancio edilizio, spiccano la semplificazione dei permessi per costruire o ristrutturare immobili: in base all’articolo 17, basterà una semplice comunicazione di inizio lavori (non sarà più necessaria la Scia) per interventi come l’accorpamento di più appartamenti nello stesso immobile); o ancora, sarà possibile ottenere un permesso di costruire in deroga alla destinazione d’uso per interventi di riqualificazione urbanistica, ad esempio in aree industriali dismesse.


Comunicazione inizio lavori

L’attività regolamentata dai commi 2 e 4 dell’articolo 6 del Testo Unico prevede una comunicazione di inizio lavori da inoltrare, anche in via telematica, al SUE del Comune di competenza. Non sono necessarie autorizzazioni a meno che l’immobile non sia sottoposto a vincoli ambientali o storici:

-Opere di pavimentazione e finitura di spazi esterni, anche per aree di sosta, che siano contenute entro l’indice di permeabilità, ove stabilito dallo strumento urbanistico comunale, ivi compresa la realizzazione di intercapedini interamente interrate e non accessibili, vasche di raccolta delle acque, locali tombati.

-Aree ludiche senza fini di lucro ed elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici.

-Pannelli solari, fotovoltaici e termici, senza serbatoio di accumulo esterno, a servizio degli edifici, da realizzare al di fuori della zona A di cui al decreto del Ministro per i lavori pubblici 1444/1968.

-Manutenzione straordinaria compresa l’apertura di porte interne o lo spostamento di pareti interne, sempre che non riguardino le parti strutturali dell’edificio, non comportino aumento del numero delle unità immobiliari e non implichino incremento dei parametri urbanistici. Per questi interventi bisogna trasmettere anche i dati dell’impresa a cui vengono affidati i lavori e una relazione tecnica di un professionista abilitato per la conformità a norme e regolamenti vigenti.

-Opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a novanta giorni.

-Modifiche interne di carattere edilizio sulla superficie coperta dei fabbricati adibiti ad esercizio d’impresa, e modifiche della destinazione d’uso dei locali adibiti ad esercizio d’impresa: anche per questi interventi oltre alla comunicazione di inizio lavori ci vogliono i dati identificativi dell’impresa che effettua le opere e la relazione tecnica di conformità.

SBLOCCA ITALIA: LA PUBBLICAZIONE NELLA GAZZETTA UFFICIALE

x
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Consulta la nostra privacy policy Abilita i cookie Disabilita i cookie